amore a prima vista (volpini italiani e altro)

2 set 2019

Semplicemente NOI



Ti avrei voluto dire quanto sei sempre stato importante per me, una presenza costante nell’assenza. Non hai idea di quanto hai viaggiato e delle meraviglie ammirate. Il Portogallo, visitato più volte, ha visto la tua presenza nella splendida Lisbona, c’eri al mercato della Ribeira con il suo grande padiglione gastronomico e la musica a riscaldare l’ambiente. Dopo aver passeggiato nel chiostro del monastero dei Jeronimos, abbiamo atteso un tavolo per mangiare i prelibati pastéis di Belém, nel caratteristico locale vicino alla torre. E sì, gli sguardi hanno accarezzato la Torre di Belém e ripassato il contenuto del libro "Pau Brasil", abbiamo provato un brivido ricordando un amore intenso ed eterno. La sera con passi leggeri abbiamo percorso il quartiere Alfama ascoltando lo struggente “fado” e siamo stati sopraffatti dalla nostalgia. Arrivati a Obidos, in una magnifica giornata di sole, non ci siamo spaventati per il caldo e abbiamo camminato lungo le mura scrutando la piccola città abbarbicata al suo interno, quando come per magia abbiamo visto un vecchio con la sua chitarra intonare una canzonetta d’amore. Altre volte abbiamo apprezzato le lunghe spiagge portoghesi e ascoltato le onde dell’Atlantico infrangersi con fragore. A Oporto siamo andati su e giù con la funivia e abbiamo mangiato nel Cais da Ribeira, avevamo gli occhi puntati sul fiume Duero e le sue caratteristiche imbarcazioni cariche di tini con il prezioso vino di Porto. Entrati alla stazione centrale di San Bento, ornata da piastrelle dipinte e considerata una delle più belle d’Europa, ci siamo immersi nelle raffigurazioni di vita vissuta. Nella sempre affascinante Francia abbiamo scorrazzato lungo il fiume Loira per vedere i magnifici castelli e la bellissima scala a chiocciola progettata da Leonardo da Vinci nello Château de la Rochefoucauld. In Provenza abbiamo goduto dei paesaggi mozzafiato tra i campi di lavanda che sono serviti a Vincent van Gogh per dipingere centinaia di quadri. A Parigi sul bateau-mouche è stato difficile trattenere le lacrime ascoltando “la vie en rose” e dopo una giornata al Louvre, ci siamo assopiti stanchi con il magico sguardo della “Monna Lisa” che ci aveva inseguito lungo tutta la sala. In Spagna abbiamo apprezzato Siviglia, Cordoba e le incantevoli fontane dell’Alhambra nel complesso palaziale andaluso di Granada. Dopo aver percorso chilometri in auto arrivare nella cittadina di Caceres è stata una sorpresa, piccola ma la più importante per lo stile rinascimentale spagnolo. In Portogallo, Spagna, Francia ci siamo andati spesso e ci torneremo perché c’è ancora molto da scoprire e dipendendo dagli stati d’animo ogni volta sembra la prima. Difficile non ricordare le innumerevoli passeggiate sulle Dolomiti durante l’estate e d’inverno con la neve. Strana sensazione, più vicino al cielo si riesce quasi a toccare l’assenza. A Zurigo e a Lugano complici  lago e montagna l'animo sembra acquietarsi. Non percepisco tanto dolore se non quando ci troviamo in Brasile, forse i profumi, i colori, non lo so… Certo che lì in campagna nelle notti di luna alzando gli occhi verso milioni di stelle, la croce del sud e il cielo a farci da tetto, si sente la necessità di toccare la presenza. E il mio Rio de Janeiro con il verde della “mata atlantica”, le rocce nere umide, il Cristo Redentore, il Corcovado e l’oceano che penetra nella baia, mi portano ogni volta a delirare e non posso restare per molto tempo. Sono passati più di trentacinque anni e come vedi la tua presenza è stata sempre marcante, percepisco la tua voce, il tuo sorriso, la tua inquietudine, la tua paura di lasciarti andare. Sarà quel che Dio, il fato o entrambi avranno deciso per noi.